Prestazioni non sanitarie

A favore del coniuge e dei figli dei lavoratori edili che si trovano in condizioni di disabilità psichica, fisica e psicofisica, la Cassa Edile eroga un assegno la cui entità e/o periodicità è determinata dal Comitato di Gestione della Cassa, entro il limite massimo annuo di Euro 650,00.

REQUISITI

  • il lavoratore deve essere alle dipendenze di un’impresa iscritta alla Cassa Edile in regola con i versamenti contributivi previsti;
  • il lavoratore deve avere un accantonamento di almeno 1400 ore di lavoro ordinario nel biennio precedente la data di utilizzo della prestazione.

DOCUMENTI

  • domanda su apposito modulo;
  • stato di famiglia in carta semplice rilasciato dal Comune o autocertificazione;
  • fotocopia verbale di visita collegiale.
 

Prestazione soggetta a ritenuta I.R.P.E.F. in base al D.Lgs. n.314 del 02/09/1997.

In caso di decesso dei genitori, coniuge o figli a carico, la Cassa Edile corrisponde al lavoratore iscritto un assegno di Euro 350,00. Nel caso di pluralità di richiedenti l’assegno per decesso viene riconosciuto a colui il quale dimostri di avere effettivamente sostenuto le spese funerarie.

REQUISITI

  • il lavoratore deve essere alle dipendenze di un’impresa iscritta alla Cassa Edile in regola con i versamenti contributivi previsti;
  • il lavoratore deve avere un accantonamento di almeno 1400 ore di lavoro ordinario nel biennio precedente la data di utilizzo della prestazione.

DOCUMENTI

  • domanda su apposito modulo;
  • certificato di morte del familiare;
  • dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà dal quale risultino i nominativi degli eredi o autocertificazione;
  • documentazione delle spese funerarie sostenute (solo nel caso di pluralità di richiedenti).

Prestazione soggetta a ritenuta I.R.P.E.F. in base al D.Lgs. n.314 del 02/09/1997.

La Cassa Edile è contraente di una polizza cumulativa infortuni che assicura tutti i lavoratori regolarmente iscritti. Ogni lavoratore iscritto alla Cassa Edile di Cuneo è automaticamente assicurato, ovunque nel mondo, fino alla concorrenza di:
• € 25.822,85 per morte;
• € 30.987,41 per invalidità permanente assoluta a seguito di infortunio professionale ed extra;
• € 1.549,37 per rimborso spese mediche da infortunio;
• € 1.032,91 per rimborso spese in caso di danni estetici conseguenti da infortunio;
• € 1.032,91 per rimborso spese in caso di cure dentarie o paradentarie rese necessarie a seguito di infortunio;
• € 2.582,28 per rimborso spese per “rimpatrio salma” reso necessario a seguito di infortunio;
• € 5.164,57 per rimborso spese di trasporto in ambulanza o qualunque altro mezzo di trasporto necessario a seguito di infortunio.

La copertura assicurativa decorre dal giorno in cui ha inizio il rapporto di iscrizione dell’assicurato con la Cassa Edile di Cuneo e viene a scadere in ogni caso trascorsi sei mesi dalla data in cui l’assicurato ha cessato di prestare servizio alle dipendenze del datore di lavoro e comunque non oltre la prima scadenza annuale successiva alla cessazione del rapporto di lavoro.
In caso di infortunio deve essere fatta denuncia scritta alla Cassa Edile di Cuneo entro 60 gg. dall’infortunio o dal momento in cui l’assicurato o i suoi aventi causa abbiano avuto la possibilità di denunciarlo e comunque non oltre un anno dall’evento.
Il risarcimento, nel caso di invalidità permanente, verrà’ effettuato dall’assicurazione qualora il grado di invalidità sia superiore al 5%.

Qualora l’invalidità permanente accertata superi il 20% della totale, si liquiderà l’indennizzo proporzionale al grado di invalidità permanente accertata senza l’applicazione di alcuna franchigia.
Nel caso in cui l’invalidità sia superiore al 60%, la somma assicurata per il caso di invalidità permanente, verrà liquidata nella misura del 100%.

REQUISITI

il lavoratore, al momento dell’infortunio, deve essere alle dipendenze di un'impresa iscritta alla Cassa Edile in regola con i versamenti contributivi previsti.

DOCUMENTI

  • domanda per Infortuno sul lavoro ed extra;
  • domanda per Infortunio mortale sul lavoro ed extra;

Al lavoratore che contrae matrimonio viene erogato un assegno a titolo di sussidio pari ad Euro 200,00. La prestazione viene erogata una sola volta per lavoratore.

REQUISITI

  • il lavoratore deve essere alle dipendenze di un’impresa iscritta alla Cassa Edile in regola con i versamenti contributivi previsti;
  • il lavoratore deve avere un accantonamento di almeno 1400 ore di lavoro ordinario nel biennio precedente la data di utilizzo della prestazione.

DOCUMENTI

  • domanda su apposito modulo;
  • certificato di matrimonio rilasciato dal Comune;
  • dichiarazione dell’impresa attestante l’avvenuto godimento del congedo matrimoniale.

 

Prestazione soggetta a ritenuta I.R.P.E.F. in base al D.Lgs. n.314 del 02/09/1997.

In seguito al decesso del lavoratore viene erogato un sussidio di Euro 800,00 agli eredi o stretti congiunti del lavoratore deceduto. Nel caso di decesso del lavoratore per la stessa malattia che ha dato origine alla risoluzione del rapporto di lavoro per superamento del periodo di conservazione del posto, sempre che l’evento si verifichi entro sei mesi dalla risoluzione del rapporto stesso, il sussidio di cui sopra verrà ugualmente corrisposto agli aventi diritto.

 

REQUISITI

  • il lavoratore deve essere alle dipendenze di un’impresa iscritta alla Cassa Edile in regola con i versamenti contributivi previsti;
  • il lavoratore deve avere un accantonamento di almeno 1400 ore di lavoro ordinario nel biennio precedente la data di utilizzo della prestazione.

DOCUMENTI

  • domanda su apposito modulo;
  • certificato di morte del lavoratore;
  • dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà dal quale risultino i nominativi degli eredi del lavoratore

La Cassa Edile può concedere, in casi eccezionali di comprovata necessità e a giudizio insindacabile del Comitato di Gestione, un sussidio straordinario ai lavoratori che ne facciano specifica richiesta.

REQUISITI

  • il lavoratore deve essere alle dipendenze di un’impresa iscritta alla Cassa Edile in regola con i versamenti contributivi previsti;
  • il lavoratore deve avere un accantonamento di almeno 1400 ore di lavoro ordinario nel biennio precedente la data di utilizzo della prestazione.

DOCUMENTI

domanda su apposito modulo.

 

Per maggiori informazioni e per attivare la pratica contattare l’Ufficio Operai al n. 0171/615351.